Semetipsum, avviene da Michele Satta                                         

Sangiovese d' autore.


Nella suggestiva cantina di Michele Satta, uno dei nomi più importanti di Bolgheri - Toscana, nasce il progetto Semetipsum, espressione latina che significa "proprio se stesso": un’idea, un avvenimento, un vino.


Inaugurato quest' anno in una serata che ha sancito la nuova alleanza tra vino, musica e arte con

Michele Satta, vignaiolo produttore di vini unici, Harold Budd - pianista americano di fama internazionale, Eraldo Bernocchi musicista e sperimentatore da oltre venticinque anni nella musica elettronica.


Completano l'opera l'immagine e l'etichetta curate dalla video artista Petulia Mattioli che ha realizzato scatti fotografici in sequenza catturando le magnifiche figure che si vengono a formare sul vino sollecitato dalle frequenze del suono originale del concerto. Il testo di presentazione è scritto da Marco Pierini, fino a pochi mesi fa alla guida del Centro d’ Arte Contemporanea Santa Maria della Scala di Siena, e attualmente direttore artistico della Galleria Civica di Modena.


250 esemplari di sangiovese 2008 selezionato in vendemmia da un unico vigneto, numerati ed autografati in formato magnum, proposti nella confezione in legno a tiratura limitata che conterrà il libretto a colori e il cd dell’ esibizione di Budd e Bernocchi,  prodotto dall' etichetta discografica londinese RareNoiseRecords.


Ogni anno un' opera unica e la selezione speciale delle migliori uve di una sola varietà:  Semetipsum "proprio se stesso".



Nullus locus sine Genio di Marco Pierini


Ciò che si racchiude nell’involucro che avete appena aperto è la concretizzazione di un progetto originale e, allo stesso tempo, estremamente inattuale come il nome che gli è stato imposto: Semetipsum. Vino, suono, immagine ne sono gli elementi costitutivi, l’interazione tra le arti, il metodo adottato, la disciplina, la fedeltà ai propri convincimenti, la voglia di mettersi in gioco i principi ispiratori.        testo completo